giovedì 5 gennaio 2012

PMA farmaci: mutuabili per metà

Oggi sono andata in farmacia a ritirare tutti i farmaci per la terapia della terza ICSI e, più leggera di 250 €, non ho potuto fare a meno di fare delle riflessioni sui costi della PMA.

Una coppia come noi, con tutti i numeri per accedere alle cure tramite Servizio Sanitario Nazionale, è fortunata perché spende "solo" 450/500 € circa ogni fivet, tra farmaci non mutuabili ed esami.
In pratica, lo Stato ti paga i farmaci per la stimolazione, mentre sono comunque totalmente a tuo carico i farmaci soppressori (o gli antagonisti), seppur siano complementari ai primi e di fondamentale importanza per la terapia. Un controsenso che non ho mai capito.
Se tu, Stato, stabilisci che sia un mio diritto farmi curare a carico del Servizio Sanitario perché mi paghi solo metà della terapia?

Noi non abbiamo nulla di cui lamentarci, in quanto siamo tra i fortunati che se lo possono permettere. Ma mi metto nei panni di una coppia meno benestante di noi, per la quale quei 500 € rappresentano uno sforzo enorme. Non lo trovo giusto.

Se poi penso a quelle coppie che devono fare ricorso alla donazione di gameti, o alla diagnosi pre-impianto e devono andare a spendere 5000/6000 € all'estero perché in Italia non è consentito mi viene il nervoso e, in più, devono anche pagarsi i farmaci per intero (1000 € solo di medicinali).
Quando penso che a casa ho farmaci inutilizzati che la mutua mi passa e che avanzano dalle varie terapie! Come mi piacerebbe conoscere coppie che fanno PMA all'estero per poterglieli regalare.

Questa crisi che sta investendo l'Italia e che dominerà le nostre vite nei prossimi anni, considerato che le coppie infertili sono statistticamente sempre più numerose, condizionerà anche la nostra possibilità di fare dei figli? Sicuramente sì, penso io.

Chi sforna figli senza problemi si lamenta che i bambini costano troppo. Noi iniziamo già a pagare prima!


Comunque sembra che non abbia bisogno di mettere i miei preziosi farmaci in valigia (già mi vedevo a spiegare al personale di controllo dell'aeroporto perché mi servivano), visto che il mio ciclo si è allungao e mi ha dato modo di prendere tutto più con calma.

Domani si parte per la Spagna. Olé.

Ai farmaci e alla PMA ci si penserà al nostro ritorno.

Buona Befana a tutti!

14 commenti:

  1. mmh che strano, davvero non passare gli antagonisti non ha senso...Pero' devo dire che in confronto all'UK, non e' malissimo: la (e semplifico un po' perche' va da zona a zona) ti passano un ciclo di Fivet, e via, se quello no va, il prossimo te lo devi pagare tutto tu (consulenza, procedure, farmaci, tutto!!)

    E poi, a proposito dei farmaci avanzati...io per il secondo ciclo (a carico nostro) avevo preso farmaci da altre Fivettare...
    Funzionava cosi: io ero utente del forum della clinica privata dove facevamo la cura, e da li, c'era un thread con link a una mailing list dove si barattava alla grande.
    Ovviamente sui forum non e' legale farlo, ma magari anche i forum italiani potrebbero avere questa funzione di 'reindirizzamento' a mailing list private?!

    Buona Spagna!!

    RispondiElimina
  2. Anche io ci pensavo l'altro mese: perchè i soppressori/antogonisti sono interamente a nostro carico? Per i farmaci avanzati, in ospedale da noi riprendono solo quelli sigillati, tipo Gonal-F o boccette di polvere di Meropur e simili. Le siringhe avanzate noi le portiamo al canile. Il resto... resta in frigo e poi finisce nel bidone, purtroppo.
    Buona Spagna e incrocio le dita per te! Per voi.

    RispondiElimina
  3. Forse allora è meglio in Italia che in UK! Ma ti pagato solo in primo tentativo e poi basta???
    Comunque io proprio non capisco questa cosa dei soppressori, la trovo una cosa senza senso.
    I farmaci mutuabili non utilizzati si possono anche riportare al centro distribuzione farmaci (almeno da me) oppure al centro PMA. Ci pensano loro a darli a chi a bisogno. Magari una donna ha bisogno di ancora una dose e loro gliela danno così non deve ricomprare una scatola intera.
    Però io preferirei comunque darla a una coppia che va all'estero, che si deve comprare tutto.
    Qui in Spagna si sta da Dio. :)

    RispondiElimina
  4. Buona Spagna, allora, e noi invece martedì partiamo per l'India! Ci sentiamo via blog e incrocio per te. Anche a me toccherà la number 3, visto che questa seconda è andata male. C'est la vie, e noi non molliamo!

    RispondiElimina
  5. Ciao.....siamo una coppia che va all'estero per ovodonazione ed oltre a spendere 5000 euro per il trattamento dobbiamo comprare tutti i farmaci........che dire oltre alla frustrazione per i fallimenti ci sveniamo per poter realizzare il sogno di avere una famiglia!!!!!!

    RispondiElimina
  6. Ciao, io mi sono dovuta rivolgere all'estero presso il Mediterranean Fertility Center in Grecia. Lo staff è altamente specializzato e disponibile e mi ha ridato la speranza che purtroppo l'Italia mi aveva tolto.
    Per chi ha problemi di fertilità che non può risolvere qua vi consiglio di visitare il loro sito web, http://www.fertilitycenter-crete.gr/.

    Spero di essere stata utile...

    RispondiElimina
  7. Coccolina72 e anto123 avete tutto il mio rispetto. Vi auguro di raggiungere la meta, prima di finire i soldi. Tenetemi aggiornata se vi va.
    Siete attualmente in cura? E difficile seguire questo percorso all'estero?
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  8. Io dopo 4 tentativi omologhi per ridotta riserva ovarica ho provato l'ovodonazione.....ho valutati vari centri e costi alla fine ci siamo rivolti all'Isida di Kiev Ucraina....purtroppo è andata male ma noi ci siamo trovati benissimo....ora aspetto di fare un'isteroscopia e poi tornerò a riprendere le blasto congelate!

    RispondiElimina
  9. In bocca al lupo per le tue blasto. E' una fortuna averne conservate un po'.
    Io purtroppo non ne ho e devo iniziare una nuova terapia.
    A presto! :)

    RispondiElimina
  10. E si è vero però le percentuali di riuscita sono più basse!ci vorrebbe una bella BDC!

    RispondiElimina
  11. La BDC ci vuole sempre anche nelle migliori condizioni da fresco!!
    Non preoccuparti, ho conosciuto bimbi che prima di diventare tali erano piccole blasto "in frizeer". :)
    Ancora in bocca al lupo!

    RispondiElimina
  12. io purtroppo sono una che ha dovuto andare all'estero per fare il PMA perche'la meravigliosa legge 40 vieta la possibilita' alle coppie come noi di scegliere una donazione. Il mio compagno ha l'azoospermia e non ha nessuna possibilita' quindi avevamo due scelte: donazione o adozione. Piu' ingiusto che cosi? Inoltre sono disperata, sto cercando i meropur perche' devo cominciare oggi la terapia e devo lasciare tutti i soldi per i farmaci, oltre che devo pagare quello che costa in Spagna il trattamento. La SSN non mi paga neanche una lira perche' ovviamente ho un piano terapeutico straniero... certo, non ho avuto opzioni! Io sono spagnola, il mio ragazzo italiano, mi viene proprio voglia di prendere tutto e andare via di questo paese. Mi dispiace perche' l'Italia e' un bellissimo paese, ma ho cominciato a sentire molta rabbia e impotenza per tutto questo che ci sta capitando. Scusate lo sfogo, ho trovato questo blog per caso, grazie! Yastin

    RispondiElimina
  13. Ciao Yastin,
    intanto benvenuta sul blog.
    Mi dispiace molto per quello che state passando. Deve essere molto dura, lo posso immaginare.
    Io spero che tutti i vostri sforzi, psicologici ed economici, portino velocemente a ciò che desiderate. Ci vuole molta fortuna in questo dannato percorso, in gergo chiamata da molte di noi BDC (botta di culo). :)
    Putroppo non credo di poterti aiutare, ma se ti va lasciami scritta qui la tua e-mail (poi provvederò a cancellarla dal post) così possiamo chiaccherare un po', se ti fa piacere.
    Torna a trovarci.
    In bocca al lupo per tutto.

    RispondiElimina
  14. Ciao a tutte io sarò al Gennet x icsi eterologa al Gennet a fine Marzo, dovrò acquistare GonalF e Meropur... incredibili i costi, sapete se esistono dei farmaci equivalenti?
    Mia mail kiaromeo@gmail.com

    RispondiElimina